Parquet: lavorazioni e finiture, come riconoscerle

18/08/2020 – Se qualche decennio fa il parquet in massello era la scelta predominante per chi optava per questo tipo di pavimento, attualmente l’orientamento tende verso i prefiniti. I parquet prefiniti sono costituiti da uno strato nobile in massello e due o tre strati (multistrato di betulla o multistrato di abete o con tecnologie più performanti) che hanno la funzione di supporto e stabilizzazione della tavola lignea.

Proprio con il diffondersi dei prefiniti i produttori hanno potuto introdurre una serie di lavorazioni che danno un tocco particolare alla superficie del pavimento incontrando così le esigenze personali del cliente finale.
Alcune lavorazioni sono eseguite a macchina altre invece a mano, ed interessano lo strato nobile; da esse si ottengono: parquet spazzolati, parquet bisellati a mano, parquet piallati a mano, parquet levigati, parquet grezzi, parquet intarsiati.

Sulla stessa tavola possono essere eseguite anche più lavorazioni,..
Continua a leggere su Edilportale.com

Vai Alla sorgente della notizia
Author: [email protected] (Rosa di Gregorio)Parquet: lavorazioni e finiture, come riconoscerle