Dalla cattura della CO2 nuovi materiali per edilizia e strade

12/06/2020 – Utilizzare gli scarti dell’industria siderurgica e del cemento per ‘immagazzinare’ anidride carbonica e, contemporaneamente, produrre materiali di qualità e a basso costo da impiegare in edilizia e nella cantieristica stradale.

È questa una delle nuove frontiere della ricerca ENEA nel campo della separazione, riutilizzo e confinamento della CO2 (CCUS – carbon capture, utilization and storage), che sarà testata nell’impianto pilota ZECOMIX presso il Centro Ricerche ENEA Casaccia (Roma). Anche grazie a queste attività ZECOMIX è stato inserito come infrastruttura di ricerca nel progetto europeo ECCSELERATE, finanziato con circa 3,5 milioni nell’ambito del programma Horizon2020.

Oltre a ENEA, gli altri partner italiani del progetto sono Sotacarbo, Università di Bologna – Dipartimento di Ingegneria civile, chimica, ambientale e dei Materiali – e Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale..
Continua a leggere su Edilportale.com

Vai Alla sorgente della notizia
Author: [email protected] (Rossella Calabrese)Dalla cattura della CO2 nuovi materiali per edilizia e strade