Chiusura del balcone in veranda, il Tar spiega perché serve il PdC

09/05/2019 – La realizzazione di una veranda rappresenta un intervento di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio con incremento delle superfici e dei volumi e necessita di permesso di costruire; non è, infatti, una pertinenza urbanistica né può essere camuffato da volume tecnico.
 
A spiegarlo il Tar della Campania nella sentenza 2318/2019 in cui elenca i motivi per cui è necessario il permesso di costruire.
 
Realizzazione veranda: è un aumento volumetrico  
Il Tar ha ricordato che la creazione di un nuovo volume (come la veranda edificata sulla balconata di un appartamento) altera i prospetti e la sagoma dell’edificio, determinando una variazione planovolumentrica e architettonica dell’immobile.
 
I giudici hanno spiegato, infatti, che, in materia edilizia, una veranda è da considerarsi, in senso tecnico-giuridico, un nuovo locale autonomamente utilizzabile e difetta normalmente del carattere..
Continua a leggere su Edilportale.com

Vai Alla sorgente della notizia
Author: [email protected] (Alessandra Marra)Chiusura del balcone in veranda, il Tar spiega perché serve il PdC